Test e anteprime gio 01 novembre 2018

Honda CRF 450 rally Special Edition

L’idea di costruire una moto tutta mia è nata nel marzo 2017 dopo che ho partecipato, in sella alla Honda CRF 450 rally ufficiale HRC, alla Dakar 2017 Paraguay – Bolivia – Argentina dove ho raggiunto il podio di Buenos Aires con il tricolore al collo come miglior piazzamento degli italiani in gara. Dopo due mesi dal ritorno a casa, già nasceva in me già la voglia di tornare ma in sella a una moto tutta mia.
Ecco quindi la Honda CRF 450 R di cui iniziamo il montaggio di tutto quanto necessario per poter partecipare al primo rally internazionale (Merzouga 2017):
1° step
    •    4 Serbatoi capienza 29 litri alluminio
    •    Torre porta strumenti + strumenti necessari: 2 speedocap, 1 trip, 1 road book, 2 pulsantiera
    •    Scarico completo basso LM
    •    Piastre forcella MST
    •    Ammortizzatore di sterzo
    •    Paracoppa con porta acqua 3 litri alluminio
    •    Pedane Geko maggiorate
    •    Ruota posteriore con parastrappi COBRA.

Raggiunto un buon livello, decido di aggiungere altre modifiche dopo la seconda gara internazionale, la “Panafrica” a settembre 2017.

2° step
    •    Radiatori maggiorati
    •    Ventola di raffreddamento
    •    Impianto freno anteriore 270 NEW FREEN.

Cosciente di non aver raggiunto il 100 % della preparazione e dell’affidabilità, incoscientemente mi iscrivo all’Africa Race 2018. Partecipo inizialmente senza alcuna velleità di risultato ma, già dalle prime tappe, noto di essere molto competitivo, sempre fra i primi 5 dell’assoluta e quindi posso azzardare qualcosa di più. Con caparbietà sono riuscito a conquistare la vittoria in una tappa e il secondo gradino anche in altre tappe.
A quel punto ero molto soddisfatto ma non ancora al 100%, quindi decido per:

3° step
    •    Serbatoi di 29 litri e convogliatore in carbonio con nuova linea estetica sempre più vicina a quella ufficiale
    •    Paracoppa in carbonio con cassetto porta attrezzi.


Lo step definitivo l’ho raggiunto ora al Panafrica 2018, corso nel mese di settembre, dove ho agguantato la sesta piazza assoluta reduce da 4 mesi di inattività a causa di un infortunio durante Hellas Rally Grecia nel maggio 2018. Un risultato oltre le mie aspettative, ma la soddisfazione più grande è stata quella di raggiungere il 100% dell’affidabilità del mezzo con le ultime ma significative modifiche definitive:

4° step
    •    Radiatore olio
    •    Filtro olio aggiuntivo
    •    Capacita olio raggiunta 1.7 kg
    •    Radiatori maggiorati
    •    Capacita acqua raggiunta + 1 lt
    •    Ventola raffreddamento maggiorata.

Ora il mio prossimo impegno sarà terminare l’Africa Eco Race benché sia molto tentato di partecipare alla Dakar in Perù ormai certo della potenzialità del mezzo.

L’obiettivo di questo personale e ambizioso progetto era in primis la soddisfazione personale di aver costruito, testato, modificato, migliorato e realizzato un mezzo performante tutto mio ma anche quello di poterlo replicare per chi voglia affrontare questi tipici rally internazionali spendendo il 40% in meno di quello che offre oggi la concorrenza, oltre che dare servizio assistenza e ricambi alle gare. Pertanto il prossimo traguardo sarà la realizzazione di un team Rally internazionale anche per gare oltreoceano, ma questo sarà oggetto del prossimo articolo.
Godetevi la prova!

Testo e Tester: Simone Agazzi
Foto e video: Nicolas Conti

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più