Test e anteprime mar 05 novembre 2019

KTM Rally Replica - Una chimera

Gabriele Minelli è un imprenditore aretino che ha partecipato alle ultime due edizioni della DAKAR ed è felice possessore di una KTM Rally Replica, uno dei 75 esemplari costruiti appositamente dalla azienda austriaca per soddisfare le richieste di piloti e team che aspirano ad un mezzo molto vicino a quelli usati dai piloti ufficiali.
Per diventare uno dei fortunati proprietari, non basta avere in portafoglio i 31.700 euro del prezzo comunicato, prima bisogna aver acquisito alcuni meriti sportivi, tra cui l'aver partecipato a una Dakar.
Come è noto, in gare di durata cosi lunghe ed estenuanti, moto e pilota entrano in una sorta di simbiosi, un connubio che a volte porta uomo e macchina a relazionarsi. Epico il video su YouTube di Fabrizio Meoni che sprona la sua moto a non abbandonarlo in vista dell’arrivo vittorioso sul Lago Rosa.
Questa empatia si è instaurata dopo svariate ore di gare e allenamenti anche tra Gabriele ed il suo “simbionte”, tanto che oramai lo ha pubblicamente nominato ARGO!

Caratteristiche
Il motore resta il monocilindrico da 450 cc a iniezione, cui sono stati apportati aggiornamenti che lo rendono ancora più potente e affidabile, e viene montato a sbalzo su un telaio in traliccio. La batteria è stata riposizionata cosi come il filtro aria, i cablaggi elettrici sono stati semplificati e questo ha permesso di centralizzare le masse e rendere ancor più fruibile la moto, ma soprattutto tutto sembra concepito per facilitare ancora di più gli interventi meccanici di routine.
Per migliorare il comportamento e la stabilità di questa Rally nei tratti più veloci, è stata completamente rinnovata la ciclistica e il forcellone, mettendo a frutto i preziosi suggerimenti dei piloti Toby Price, Mathias Walkner e Sam Sunderland.
L’autonomia viene garantita da 4 serbatoi distinti, 2 anteriori per una capienza totale di 15,5 litri e 2 posteriori da 15 lt complessivi; per avere sempre un afflusso di benzina corretto, sono state adottate 2 pompe che vengono azionate da pulsanti posti sul manubrio, permettendo uno svuotamento commisurato con le caratteristiche del percorso.
I radiatori per il raffreddamento sono maggiorati, cosi come la ventola che spinge aria forzata contro di essi, viene anche installato un radiatore supplementare per il raffreddamento dell’olio e una frizione rinforzata. I cerchi sono degli Excell studiati appositamente per le maratone africane, quello posteriore è dotato di parastrappi, sospensioni ovviamente WP con all’anteriore il modello “Cone Valve” da 48 mm di diametro a cartuccia chiusa e al posteriore un collaudato “WP Trax”. In pregiato ergal le piastre sterzo ricavate dal pieno e la pinza freno anteriore.
Completano gli innumerevoli accessori, la torretta in carbonio con porta road book flottante e strumentazione RTF completa, fanaleria full led, ammortizzatore di sterzo Scott e scarico Akrapovič.

Potenza dichiarata 78 cavalli, peso a secco 139 kg, in assetto di marcia 163 kg, compresa la riserva di acqua di acqua obbligatoria pari a 3 l posta in un apposito contenitore sotto il motore.

Come va
Il terreno dove abbiamo provato questa KTM non è sicuramente paragonabile ai deserti per la quale è stata progettata, ma possiamo tranquillamente affermare che mai prima avevamo riscontrato doti di stabilità e allungo come in questa rally, guidando sempre con un bel margine di sicurezza.
Come impostazione è molto simile a una tradizionale enduro, gli ingombri dei serbatoi non si avvertono tra le gambe e quindi lasciano spazio ad ampi movimenti, difatti nonostante un’altezza sella abbastanza imbarazzante, si riescono a compiere le stesse manovre che normalmente siamo abituati a fare con una ECX.
La frenata è potente e molto precisa e le sospensioni, tarate per percorsi sabbiosi e veloci, ci hanno stupito per il lavoro egregio che svolgono anche sulle pietraie toscane.
Gabriele tiene a farci sapere che dopo aver disputato con questa moto la Dakar 2019, quest’anno intende affrontare gli oltre 6.000 km dell’Africa Eco Race senza particolari interventi al motore, eccezion fatta per i normali controlli di routine.
Sull’affidabilità della KTM rally, non si discute!

Tester: Gabriele Minelli
Testo Pietro Bartolomei
Foto: MBfotopress

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più