Test e anteprime mar 30 luglio 2019

Triumph Tiger 800 XRT - “Non manca nulla”

È proprio così, la Tiger 800 di Triumph ha tutto per essere una grande! Una moto che si pone tra le leader nel suo settore, con dotazioni di sicurezza di ultima generazione, comfort di guida e strumentazione veramente ad alto livello, il tradizionale tre cilindri che dà sicurezza ed emoziona.

ESTETICA
La generosa fanaleria 'full led' mette subito in risalto una moto non scontata, ma di carattere. Il parabrezza, abbastanza grande e regolabile, permette una buona protezione dall'aria e dalle intemperie e spiccano gli specchietti con il marchio inglese impresso. La moto ha un bel cruscotto con tecnologia TFT e blocchetti interruttori con illuminazione.

La sua personalità è risaltata dai nuovi convogliatori, ha una sella ampia e molto comoda anche per le persone di una corporatura importante e anche il passeggero trova una collocazione di agio e sicurezza grazie ai due grandi maniglioni. Ben bilanciata risulta l'ergonomia con il telaio e il motore.

Non ci sono piaciute le leve del cambio e del freno posteriore in ferro stampato.

GUIDA
Bella comoda a salire, ti dà la sensazione di averla già guidata, i comandi sono tutti lì a portata, ben visibili anche in condizioni di buio; attribuiamo un valore aggiunto alla sella e alle manopole riscaldate con un pulsante ben integrato e funzionale. Si fa notare la prima 'corta' utile in off e partenze in salita, carichi.

Il motore tre cilindri da 95 cv chiama le marce molto velocemente a salire e poi ti accorgi di essere in sesta a bassa velocità, non avendo difficoltà a mantenerla. Generoso, una bellissima coppia e un bell'allungo ti permettono di insistere su una marcia senza dover per forza cambiare rapporto. Il rumore è quello tipico del tre cilindri: inizia con un sibilo fino ad essereesaltato al massimo nella guida sportiva. In curva entra istintivamente e rimane dove hai programmato la linea, forse le pedane un po' basse ti fanno grattare le calzature. Le sospensioni reggono anche a pieno carico avendo a supporto una Showa regolabile.

I freni con pinza Brembo hanno un buon mordente e, anche se sollecitati a lungo, non perdono di precisione.

C'è una mappatura per ogni tipo di guida, con controllo di trazione e l'ABS disinseribile laguida in off diventa ancora più efficace.

IL COMMENTO DEL TESTER
L'affidabilità è la cifra distintiva di questo marchio che fa della passione il proprio emblema.
Si evince dalla guida e anche dalla gestione del veicolo che questa non è una moto nata percaso, ma un mezzo che offre emozioni e solidità. Se incontri qualcuno che ti chiede che mezzo usi, Triumph è la risposta per le dual sport.

RIASSUMI LA MOTO CON UNA PAROLA/FRASE

L'inglese che ti aspetti

 

Tester: Silvano Conti
Testo: Luca Sauro
Foto: Nicolas Conti

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più