Test e anteprime gio 15 aprile 2021

Zontes 310 T2. “Wonton… in salsa piccante!

Si diceva una volta

la Cina è vicina!

Mai frase potrebbe essere oggi così attuale. In un mondo globalizzato e sempre più con gli occhi a mandorla, le aziende cinesi stanno avanzando prepotentemente in ogni settore economico e, da tutto ciò, non poteva esimersi il mondo delle due ruote.

Zontes ne è un lampante esempio

Azienda poliedrica che, tra le altre cose, propone una gamma moto in continuo ampliamento e della quale abbiamo provato per voi la nuova 310T2 crossover, evoluzione della 310 T che abbiamo gia precedentemente testato!

La piccola “tutto terreno” dell’azienda cinese Guangdong Tayo Motorcycle Technology, eredita la stessa cura e la stessa qualità dei particolari e della componentistica del primo modello presentato, miogliorandosi in alcuni elementi e nella guida.

La moto si presenta ben coordinata nelle forme, armoniosa e proporzionata. Linea carina e giovanile, dotata di particolari estetici accattivanti come lo scarico sdoppiato, il plexiglass ergonomico, la fanaleria full led, le leve in ergal brunito e ancora gli specchietti, il manubrio, i paramani integrati, i tubolari para motore.

Molto belli e di grande impatto estetico i cerchi a raggi perimetrali, montati su pneumatici di 19 anteriore e 17 posteriore, che rendono la  linea aggressiva e muscolosa.

Piccola nelle misure ma grande nelle dotazioni tecnologiche, la Zontes 310T2 ha di serie uno svariato elenco di accessori degni delle più blasonate crossover europee.

Dal cruscotto TFT LCD a colori con un menù completo e intuitivo ai sensori pneumatici che, oltre alla pressione, misurano anche la temperatura (!); dall'attuatore elettrico del plexiglass all'apertura tappo serbatoio e apertura sella comandati da un tasto sul manubrio; da un selettore mappe Sport o Eco, per non parlare dell’innovativo sistema keyless dotato di un trasponder a “braccialetto” da tenere al polso, a prova di smarrimento!  

Completano il “pacchetto” la frenata assistita da un sistema ABS BOSCH e un serbatoio da ben 19 litri che garantisce un’autonomia di quasi 600 km.

Il tutto a un prezzo “esageratamente” concorrenziale, tale da rendere la moto una perfetta “entry level” per chi si approcci al mondo dell'on-off leggero ma con un impegno tecnico ed economico misurato.

Come va

In tutto ciò, quello che maggiormente colpisce della Zontes, è il comportamento dinamico in ogni campo di utilizzo.

In sella la moto è incredibilmente abitabile e “ospitale”,  anche per piloti di elevata statura. Nonostante le dimensioni davvero contenute, si riesce a integrarsi perfettamente in sella, trovando un comodo alloggio nelle svasature del serbatoio e soprattutto una eccellente triangolatura tra pedane, sella e manubrio, che permettono una guida agile e sicura.

Su strada, la piccola 310 sfoggia doti di guida inaspettate.

Il piccolo motore 4 valvole a iniezione elettronica Delphi, con cilindro in alluminio, da appena 35 cv e interamente costruito da Zontes, spinge bene fin dai bassi regimi; le doti di coppia permettono di percorrere la curva con facilità e scorrevolezza,  e nel contempo di uscirne con una buona trazione e giusto “tiro”!

Ovviamente non è un motore da prestazione assoluta, ma sul misto stretto se la cava egregiamente, facendo divertire anche il pilota più esperto, complice una frizione antisaltellamento di serie, molto precisa e ben modulabile, che permette di staccare a fondo sulle curve strette e percorrere con velocità;  agilità riconducibile alla tanta leggerezza della moto, a un interasse ridotto ed un anteriore a dir poco granitico.

Le sospensioni hanno un buon settaggio di base, non troppo morbide né troppo sostenute, copiano bene le asperità del terreno e danno buone sensazioni si stabilità generale, complice anche una ciclistica di buona progettazione.

Il cerchio di 19 la rende veloce negli inserimenti e degni di nota sono i pneumatici CST Tyres di primo equipaggiamento che hanno ottimo grip sia in asfalto che sullo sterrato.

Rispetto alla sorella 310T, la T2 si è distinta anche per la migliore efficacia nell’utilizzo in off road

La ruota da 19 e i cerchi a raggi aiutano molto e si sente! L’abbiamo testata sia su tratti sterrati piuttosto soft, dove si è ben comportata dimostrandosi equilibrata e leggera, facile da inserire in curva e con una buna tendenza al “traverso”, ma l’abbiamo spinta anche in situazioni più “hard” dove si è sentita incredibilmente a proprio agio; ottima nella guida in piedi, ha superato agevolmente tratti di pietra smossa con pendenze anche importanti senza colpo ferire.

Motore sempre in tiro, e sospensione che hanno ben risposto alle sollecitazioni.

Peccato solo per l’ABS non disinseribile che ha messo in difficoltà nella percorrenza in discesa.

In sostanza la Zontes 310T2 è una moto che si trova a proprio agio in tutte le situazioni: una moto particolarmente adatta ai più giovani che si approcciano al modo “dual” e vogliono farlo partendo da una base di buona qualità, ottimo equilibrio e giusto prezzo.

Adatta, però, anche a coloro che amano utilizzare la moto per spostamenti domenicali, senza rinunciando alla comodità, alla facilità di guida e alla grade versatilità che questa piccola “cinesina” sa regalare!

Attediamo quindi una “sorella maggiore” che pensiamo non tarderà ad arrivare, capace di soddisfare i piloti più esigenti, e che se manterrà gli stessi standard costruttivi potrebbe dare grandi soddisfazioni nel mercato europeo. 

Considerazioni

Cosa mi piace
  • Linea equilibrata e giovane
  • Componentistica di qualità
  • Equilibrio generale tra motore e ciclistica
Cosa non mi piace
  • ABS non disinseribile
  • Sospensioni prive di regolazione
  • Inserimento automatico del bloccasterzo a motore spento


Prezzo:

5.190 €

Motore

Cilindrata/Alesaggio/Corsa

Monocilindrico 312 cc / 80mm / 62mm

Rapporto di compressione

12,5:1

Distribuzione

Albero a camme Double Top (DOHC)

Alimentazione

Iniezione elettronica

Lubrificazione

N.D

Raffreddamento

A liquido

Cambio

6 marce

Frizione

Multidisco a bagno d’olio

 

Ciclistica

Telaio

In lega di alluminio 

Serbatoio

 19 Lt.

Sospensioni tipo/corsa

Steli rovesciati/ monoammortizzatore                    

Freni ant/post

Disco con ABS/Disco con ABS

Inclinazione canotto

N.D.

Interasse

1400 mm

Altezza sella

830 mm

Ruote

110/80R19 - 160/60R17

Peso in ord. di marcia

205 kg

 

Testo e tester: Edoardo Tommassini

Foto: Andrea Migliorati Photographer

Video: Marco Ciofi

Casco: Airoh Commander White Gloss

Abbigliamento: CLOVER Dakar Uomo WP Airbag

Stivali: TCX Baja Gore-Tex

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più