Dual Tue 01 October 2019

Nuova YAMAHA TéNéRé 700 - Se non la sporchi, godi solo a metà!

L’attesa accresce il desiderio, si sa.
E oggi, che finalmente possiamo vedere, toccare e guidare la nuova arrivata di casa Yamaha, la voglia di testarla per capire se è realmente degna di esibire un’eredità e un nome così importanti è davvero tanta.
Consapevoli di ciò, quelli di Yamaha Motors Italia hanno voluto fare le cose davvero in grande, proprio come si fa per gli eventi di lancio, internazionali: in occasione della 11° edizione della HAT - Hard Alpi Tour ci è stato concesso di guidare una delle 15 (quindici!) moto messe a disposizione di media e ambassador, come il campione dakariano Franco Picco, lungo i 550 km del percorso CLASSIC con partenza da San Remo sulla costa ligure e destinazione Sestriere, in Piemonte.
Hard Alpi Tour è il viaggio-avventura che ogni motociclista appassionato di fuoristrada dovrebbe fare, con l’obiettivo di scoprire e godere appieno la bellezza dei passi e delle alpi occidentali, attraverso percorsi sempre nuovi e raramente aperti al traffico dei mezzi a motore.
E sono proprio quei sentieri il terreno di gioco ideale per scoprire tutte le caratteristiche della nuova Ténéré 700: facile, divertente e che in poco tempo saprà certamente farvi innamorare di una disciplina fantastica come l’off-road in moto.

Tutti in sella, gps acceso: inizia il viaggio!
La nuova Yamaha sarà la compagna di viaggio perfetta per le vostre prossime avventure in moto, su strada e in off-road.
La sella è comoda, bassa ma non troppo, quanto basta per toccare entrambi i piedi a terra. Sterzo e dispositivi di comando sono al posto giusto per una guida comoda da seduti garantendo però un’ottima efficacia anche durante quella in piedi, sulle pedane.
Il display centrale, digitale è estremamente basico, comunica tutte le info necessarie durante il viaggio.
Molto bello e robusto il cupolino trasparente, alto quanto basta per coprire bene tutta la strumentazione, anche in caso di aggiunta di un gps/navigatore sul supporto in dotazione di serie e che fa il verso agli amatissimi kit di trasformazione after-market, che vengono allestiti sulle moto da enduro con ambizioni rallystiche.
Degno di nota è il potentissimo impianto di illuminazione composto da un punto luce a led e 4 faretti, belli, in pieno stile racing e super efficaci, egregiamente apprezzato da tutti specialmente durante la sessione di guida in notturna, ovviamente fuoristrada.

Una moto attuale, capace di emozionare senza “contaminazioni elettroniche”.
Guidare la nuova Ténéré oltre ad essere divertente è anche molto facile: i 187 kg di peso sono mossi da un bicilindrico di 698 cc, spinto da 75 cv di potenza più che sufficienti per emozionarsi alla guida su ogni tipo di percorso e che non richiedono in alcun modo l’ausilio di controlli elettronici della trazione. A tal proposito l’unica eccezione riguarda, ovviamente, la possibilità di disattivare l’ABS tramite un pulsante sul display.
Nella guida in off-road se ne apprezza appieno l’erogazione dolce dei bassi (e talvolta bassissimi) regimi: far spengere inaspettatamente il motore, magari proprio su qualche passaggio un po’ più tecnico, è quasi impossibile!
Se invece vogliamo tirar fuori il carattere dei medi regimi basterà ruotare la manopola del gas, per godere dai 4.500 giri in su, fino quasi ai 7.000, di una gran bella galoppata… che goduria!

Trovare dei “difetti” su questa nuova moto, testata seriamente nel corso delle 2 giornate d’evento, è davvero difficile. Mezzi e piloti sono stati messi alla prova nel dimostrare le loro attitudini e capacità di resistenza, e la nuova Ténéré ne esce sicuramente a testa alta mostrando la sua vera natura di adventure-bike.
Nessun difetto pervenuto dunque, possiamo semmai individuare dei limiti che emergono nel momento in cui se ne voglia fare un utilizzo smaliziato, simil-racing, o magari nel volerla condurre su percorsi off-road decisamente tecnici così come nella pianificazione di lunghi viaggi avventura un po’ più estremi.
In tal caso, le personalizzazioni sono d’obbligo e intervenire sulle sospensioni, sull’ergonomia della sella o sulla capacità del serbatoio sarebbe certamente opportuno. Le opzioni offerte, anche dalla stessa casa madre, sono davvero moltissime con un ricco catalogo di accessori per rendere davvero unica e ancor più efficace la vostra prossima compagna di viaggio.

La vostra prossima avventura è più vicina di quanto crediate.
Con queste righe non ho voluto fare una recensione tecnica della nuova nata nella casa dei tre diapason, bensì raccontare un’esperienza, la mia, per la quale ringrazio ancora Yamaha Motors Italia. Sinceramente, non so quante Ténéré saranno mai acquistate per attraversare la Silk Way Road in Pamir o per andare alla scoperta di nuove e spettacolari rutas in Patagonia… certamente però le emozioni che questa moto saprà regalarvi durante il vostro prossimo weekend fuori città, su strada o nella polvere di qualche bel sentiero di montagna, sono le stesse che hanno appassionato migliaia di piloti e di tifosi nel corso delle più importanti competizioni di rally degli anni’80. Garantito!
Adesso bando alle ciance… e buon viaggio!

Testo: Riccardo Rosi
Foto: Riccardo Rosi e archivio HAT

Casco: Premier X-trail Completo tecnico touring: Clover Borsa: Base Pack Enduristan